test di lingua al colloquio

Test di lingua al colloquio: come prepararsi

Il livello di conoscenza di una lingua straniera viene generalmente inserito all'interno di un curriculum come auto-attestazione: non tutti infatti possono vantare delle certificazioni in grado di garantire la propria preparazione linguistica. Anche se i livelli reali sono definiti da standard europei, nei CV è uso comune utilizzare le parole ottimo, buono, medio, scolastico, che possono voler dire tutto o niente. Per questo motivo i responsabili della selezione del personale potrebbero sottoporti a un test di lingua al colloquio conoscitivo o nel corso di un secondo incontro.

#Per i candidati

Test di lingua al colloquio: come prepararsi

test di lingua

In sede di colloquio ti verrà chiesto di dimostrare il grado di conoscenza della lingua straniera che hai indicato nel curriculum. L'esaminatore ti rivolgerà quindi delle domande, le prime abbastanza generiche, simili a quelle che ti vengono rivolte in italiano: parlaci di te, cosa fai e cosa vorresti fare, ecc. Puoi quindi preparati una traccia a cui fare riferimento, ma attento a imparare le frasi a memoria: nel corso della tua esposizione potresti essere interrotto da nuove domande, alle quali devi essere in grado di rispondere.

Superata la prova orale potresti essere sottoposto anche alla prova scritta. Potrebbe essere un breve testo o la traduzione di una mail, generalmente si fa riferimento a contenuti attinenti al contesto lavorativo. Puoi quindi studiare in anticipo dei termini usati spesso in quel tipo di lavoro, un esempio potrebbe essere il settore commerciale dove si scambiano di frequente comunicazioni tra fornitori e clienti.

Test di lingua al colloquio: perché è sempre più frequente

Nell'era della globalizzazione capita sempre più spesso di avere a che fare con partner stranieri. Questo vale in qualsiasi settore lavorativo, che sia il commercio, le pubbliche relazioni o altro. La conoscenza di una seconda lingua è quindi una competenza fondamentale. Come abbiamo detto, però, a volte non basta saper esprimere qualche concetto generale, devi saper padroneggiare termini tecnici che potrebbero fare la differenza tra te e un altro candidato.

Devi quindi essere consapevole di quale sia effettivamente il tuo grado di preparazione linguistica, solo in questo modo potrai prepararti ad affrontare al meglio un test di lingua al colloquio. Devi anche sapere che non esiste un metodo standard per valutare le conoscenze linguistiche, i vari selezionatori del personale possono decidere di sottoporre i candidati ai test che riterranno più opportuni.

#Per i recruiter

Test di lingua al colloquio: i test EasySPEAKing

test di lingua easyspeaking

Easyrecrue ha messo a disposizione delle aziende, delle università e delle agenzie di reclutamento i test easySPEAKing per valutare in modo rapido e poco costoso il livello di padronanza di una lingua straniera dei vari candidati.

L'analisi verte sulla comprensione scritta e orale, e sulla padronanza di espressione scritta e orale, tutto ciò grazie all'utilizzo della tecnologia audio-video. Il test prevede la risposta di domande in modalità differenti: scritte, testuali, a risposta multipla, e video.

Il livello linguistico dei candidati viene quindi valutato in massimo due giorni, in base al Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue e in considerazione delle esigenze dell'azienda.

New Call-to-action

 

 

Pubblicato da Gaetano Angiuli
il 4 agosto 2017

Categoria
Articoli, test di lingua, candidati

Seguitemi su :

Commenta per primo

La tua email non sarà pubblicata. I campi indicati con * sono obbligatori

Non perderti le ultime novità del mondo delle risorse umane.

I nostri ultimi articoli

I nostri contenuti HR

Individuare le soft skills durante il processo di selezione
Valutare i KPI del processo di selezione e recruiting
Il video-colloquio nel recruitment