mobilità interna risorse umane

Le tipologie di mobilità interna in azienda

La continua ricerca di talenti nel mondo del lavoro è ormai sempre più difficile e competitiva. Ci sono, infatti, numerose aziende presenti sul mercato che faticano a reperire nuovi profili talentuosi ed in uno scenario del genere la mobilità interna potrebbe rappresentare una valida soluzione.

Perché la mobilità interna è una risorsa preziosa?

Una delle sfide principali delle aziende nel decennio che verrà è quella di anticipare il modo di evolversi delle professioni: alcune tipologie di lavori scompariranno e ne nasceranno altri per rispondere ai nuovi bisogni del mercato e del business.

In questo scenario, il recruiting dovrà essere in grado di trovare un equilibrio tra la ricerca esterna di nuovi talenti che posseggono competenze non ancora presenti in azienda e definire un piano di crescita e sviluppo degli impiegati per far si che, quando servirà, questi posseggano le competenze necessarie per rispondere alle nuove esigenze dell’azienda. mobilità interna risorse umane

Oltre a questo aspetto si deve considerare che al giorno d’oggi cambiare lavoro sta diventando una prassi molto comune quindi perché non considerare di dare la stessa opportunità di mobilità ma all’interno dello stesso ambiente di lavoro?

I candidati interni, infatti, possono rappresentare un’importante fonte alla quale attingere minimizzando i rischi che altrimenti si avrebbero con l’assunzione di una risorsa proveniente dall’esterno.

👉Leggi anche un articolo di Mattia Murnigotti che, partendo dal mondo del calcio, analizza quali sono gli errori da non commettere nella gestione dei talenti in un'azienda: il caso Higuain.

Gli input della mobilità interna

L’iniziativa che innesca la macchina della mobilità interna può provenire:

  • Dal dipendente che esprime la volontà di cambiare ruolo (o durante la performance review o candidandosi direttamente all’offerta interna). In questo caso di parla di mobilità volontaria e risponde all’esigenza dell’impiegato di crescere e mettersi in gioco rimanendo all’interno della stessa azienda;
  • Dal manager o dalle risorse umane per rispondere ad esigenze organizzative o strategiche.

internal mobility gif

Scarica il nostro ebook dedicato alla mobilità interna!

3 tipi di mobilità interna

Abbiamo individuato 3 tipologie di mobilità interna:

  1. Mobilità verticale: è la più conosciuta e comune e si verifica quando il dipendente riceve un incarico di maggiore responsabilità, di più alto valore gerarchico. Generalmente corrisponde ad un aumento di stipendio
  2. Mobilità orizzontale: è tra tutte la più complessa in quanto il dipendente cambia ruolo e mansioni mantenendo però lo stesso livello gerarchico. Questo genere di mobilità viene anche definita funzionale o trasversale
  3. Mobilità geografica: è solitamente la più apprezzata dai dipendenti in quanto comporta una ricollocazione geografica del dipendente che mantiene però lo stesso ruolo e le stesse mansioni.

Mobilità interna

Come gestire un progetto di mobilità interna?

Abbiamo individuato 10 aspetti fondamentali da tenere in considerazione se si vuole mettere in piedi e gestire una strategia di mobilità interna efficace in azienda. 

  • Inserire il progetto in una strategia HR più ampia
  • Effettuare una mappatura delle competenze dei dipendenti
  • Dare visibilità ai percorsi di carriera interni
  • Favorire il coinvolgimento dei manager
  • Creare una cultura della mobilità interna
  • Dare fiducia
  • Organizzare la comunicazione interna
  • Valorizzare i talenti e coinvolgere il personale
  • Trovare i tempi adatti
  • Scegliere gli strumenti adatti

Clicca qui per approfondimenti sulla mobilità interna in azienda! 

[IT] internal mobility ebook mockup#1

 

Pubblicato da Gabriella Di Gangi
il 17 giugno 2020

Categoria
Articoli, Mobilità interna

Seguitemi su :

Commenta per primo

La tua email non sarà pubblicata. I campi indicati con * sono obbligatori

Non perderti le ultime novità del mondo delle risorse umane.

I nostri ultimi articoli

I nostri contenuti HR

Individuare le soft skills durante il processo di selezione
Valutare i KPI del processo di selezione e recruiting
Il video-colloquio nel recruitment